Regolamento

REGOLAMENTO GENERALE

Categoria di Partecipazione

Il Campionato è riservato alle giovani calciatrici della Categoria UNDER 15 nate dal 01.01.2003 al 31.12.2004. Al Campionato possono altresì partecipare giovani calciatrici nate nel 2005, purché abbiano compiuto il 12° anno di età (non sono ammesse a partecipare giovani calciatrici nate nel 2006).

Fuori Quota

Dato il carattere dell’attività, considerando la presente stagione sportiva un momento di passaggio verso lo sviluppo dell’attività femminile giovanile, per la corrente stagione sportiva in ciascuna gara è prevista la possibilità di utilizzo di n°2 calciatrici “fuori quota” nate nel 2002.

Prestiti

In caso di necessità, le società, possono richiedere autorizzazione all’utilizzo di un numero massimo di 3 calciatrici in prestito da altra società non partecipante al Campionato, purché tesserate per la FIGC e munite di regolare nulla-osta della società di appartenenza.
I prestiti autorizzati (i cui nominativi possono essere comunicati anche successivamente) saranno validi per tutta la durata del Campionato e non potranno essere sostituiti.
Ovviamente, una calciatrice può essere data in prestito ad una sola società.

Iscrizioni

Al Campionato Nazionale partecipano di diritto le società iscritte al Campionato Regionale “U15 Femminile- Giovani Calciatrici”, laddove sia possibile organizzarlo.
Dalla fase preliminare interregionale, al Campionato Nazionale potranno aderire altre squadre delle regioni in cui non sia stato possibile organizzare il campionato regionale. In tal caso occorre presentare la richiesta di iscrizione direttamente al Coordinatore Federale Regionale del Settore Giovanile e Scolastico competente nel territorio, secondo le modalità dagli stessi indicate con appositi comunicati ufficiali pubblicati nelle regioni interessate, purché le società partecipino all’attività Esordienti o Giovanissimi a livello locale/provinciale.

In ogni caso i Comitati Regionali LND ed eventualmente i Coordinatori Federali Regionali SGS entro e non oltre il 30 Ottobre p.v., dovranno comunicare al Settore _Giovanile e Scolastico (tramite mail, all’indirizzo: sgs.attivitadibase@figc.it) la società iscritte all’attività regionale U15 Femminile.

Al Campionato ciascuna società può iscrivere una o più squadre.

Il Campionato prevede:
• Una fase preliminare Regionale
• Una fase preliminare Interregionale
• Una fase finale Interregionale
• La fase finale Nazionale

Sviluppo dell’attività:
• La Fase Regionale verrà sviluppata dai Comitati Regionali LND (laddove sia stato organizzato il Campionato regionale) o dai Coordinatori Federali Regionali SGS in relazione al numero di squadre che risulteranno iscritte, organizzando la relativa attività a carattere regionale.

• Il numero di squadre meglio classificate di ogni regione (minimo 2, massimo 4) che saranno ammesse alla Fase Preliminare Interregionale (che si disputerà nel periodo compreso tra Marzo ed Aprile), verrà reso noto con successivo Comunicato Ufficiale, in considerazione del numero di squadre partecipanti nell’area geografica interessata.

• A seguito della Fase Preliminare Interregionale, le prime classificate di ogni Area/Territorio verranno ammesse alla Fase Finale Interregionale che si disputerà in 4 differenti Aree (Nord-Est, Nord-Ovest, Centro-Nord, Centro-Sud), nel periodo tra il 26 Maggio ed il 3 Giugno 2018.

• Le prime classificate di ciascuno dei 4 gironi della Fase Finale Interregionale, accederanno alle Finali Nazionali dei Campionati Giovanili che si svolgeranno nel mese di giugno, in date da stabilire, secondo il format che verrà reso noto con apposita Comunicazione.

Norme di Tesseramento e di Identificazione delle Calciatrici

Possono partecipare al Torneo le giovani calciatrici della Categoria UNDER 15 regolarmente tesserate FIGC con la propria società per la stagione in corso.

Gli Arbitri che dirigeranno le gare, prima di dare inizio ad ogni gara, dovranno controllare che i dati dei documenti di identificazione corrispondano a quelli trascritti nell’elenco di gara, come previsto dall’Art. 71 delle N.O.I.F. “Identificazione dei calciatori”.

Giustizia sportiva

Nella Fase regionale, la Giustizia Sportiva sarà amministrata dal Giudice Sportivo in carica a livello regionale.

A partire dalla fase successiva a quella Regionale, la Giustizia sportiva sarà amministrata dal Giudice Sportivo del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC che applicherà le norme del Codice di Giustizia sportiva.

Tuttavia si ritiene necessario rendere note le seguenti procedure:

1 La violazione di quanto previsto dall’art. 4 del regolamento tecnico di giuoco sulla sostituzione di calciatori determinerà l’applicazione della punizione sportiva della perdita della gara

2 l’eventuale espulsione di una calciatrice nel corso di una qualsiasi gara comporta la squalifica automatica per una gara salvo ulteriori sanzioni adottate dal Giudice Sportivo

3 l’eventuale espulsione del portiere nel corso di una qualsiasi gara, non comporta la squalifica automatica, in deroga a quanto previsto dall’art.19, comma 10 del CGS

4 le calciatrici che incorrono in due ammonizioni, anche di diversa indole, saranno squalificate per una gara

5 le ammonizioni comminate nella fase eliminatoria, che non comportino squalifica, vengono azzerate nella fase finale nazionale.

Dato il carattere a rapido svolgimento delle manifestazioni, le decisioni assunte dal Giudice Sportivo sono inappellabili.

Arbitraggio delle Gare

Le partite saranno arbitrate da Arbitri Ufficiali dell’Associazione Italiana Arbitri, appartenenti alle Sezioni territorialmente competenti.

In ogni caso i rapporti gara con allegate le distinte dei giocatori dovranno essere trasmesse al Comitato Organizzatore di competenza, nei termini previsti per la necessaria visione del giudice sportivo

REGOLAMENTO TECNICO DI GIOCO

Art. 1 – Il campo di gioco

Le dimensioni del terreno di gioco saranno comprese tra i seguenti valori:

Lunghezza: misure minime 60 mt. misure massime 70 mt.
Larghezza: misure minime 40 mt. misure massime 50 mt.

A seconda delle necessità, il campo di gioco potrà essere tracciato anche utilizzando i seguenti riferimenti sul campo di calcio a 11 regolamentare:
a) Orientando il campo da un limite dell’area rigore al limite dell’area di rigore della metà campo opposta;
b) Orientando il campo trasversalmente al campo da calcio regolamentare, da una linea laterale del campo alla linea laterale del lato opposto. In tal caso è possibile utilizzare una sola metà del campo a 11

Le dimensioni della porta saranno comprese tra i seguenti valori: 5-6 x 1,80-2 metri.

Art. 2 - Pallone

Il pallone utilizzato per le gare è convenzionalmente identificato con il numero “4”.

Art. 3 – Modalità di svolgimento e Durata delle gare

Le gare si svolgeranno con la Modalità di Gioco 9 vs 9, della durata complessiva di 60’ suddivisi in 3 tempi da 20’ ciascuno.

Laddove necessario, ed in particolare nelle Fasi Interregionali, nello sviluppo dell’attività è possibile prevedere l’organizzazione di incontri a cui partecipano di norma 3 o 4 squadre (concentramento).

Le gare, che di norma hanno una durata complessiva di 60’ suddivisi in 3 tempi da 20’ ciascuno, si svolgeranno tutte nella medesima giornata, riducendo i tempi di gioco coerentemente con quanto indicato nelle linee guida utili per l’organizzazione dei tornei giovanili.

La Società prima nominata dovrà provvedere in ogni circostanza al cambiamento delle maglie di gioco nei casi di confusione di colori rilevata dall’Arbitro.

Art. 4 – Sostituzione dei giocatori

Tutte le calciatrici in distinta dovranno giocare almeno un tempo dei primi due, pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni e le nuove entrate non potranno più essere sostituite fino al termine del secondo tempo tranne che per validi motivi di salute; mentre durante il gioco sarà possibile sostituire le calciatrici che hanno già preso parte al primo tempo per intero.
Nel caso di organizzazione di gare con 3 tempi, nel terzo tempo potranno essere effettuate liberamente sostituzioni, purché vengano effettuate a gioco fermo.

Art. 5 – Punteggi e classifiche

L’esita della gara è stabilito sommando il numero dei goal realizzati nei tre tempi di gioco.
Una volta stabilito l’esito finale della partita, saranno attribuiti i seguenti punteggi validi per la classifica finale:

3 punti in caso di vittoria;
1 punto in caso di pareggio; 0 punti in caso di sconfitta.

Qualificazione alla fase successiva
Per determinare la squadra che potrà accedere alla fase successiva a quella disputata, verrà considerata la graduatoria finale.

Nel caso in cui due o più squadre terminino il girone ed i relativi incontri con lo stesso numero di punti, verranno considerati i criteri in ordine elencati:

1. Esito degli incontri diretti (risultato dei 3 tempi di gioco)
2. classifica “avulsa” nel caso di tre o più squadre a pari merito;
3. Risultato dell’eventuale Gioco Tecnico (previsto nella fase interregionale)
4. Maggior numero di calciatrici partecipanti alle gare
5. Miglior punteggio ottenuto nella graduatoria Fair Play
6. Sorteggio

La graduatoria Fair Play verrà considerata utile per determinare la classifica finale solo dopo la verifica i punti precedenti tra i criteri sopra citati.
Nel caso in cui il punteggio FAIR PLAY sia ancora in parità, per la determinazione della migliore classificata si procederà con quanto previsto al punto 6 (sorteggio).

Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento, si fa espresso richiamo al Regolamento del Giuoco del Calcio, al Comunicato Ufficiale n°1 del Settore Giovanile e Scolastico del 01/07/2017 e a sue successive Circolari esplicative inerenti le modalità di svolgimento delle gare nelle categorie dell’attività di base, con particolare riferimento a quanto disciplinato per la categoria Esordienti.

REGOLAMENTO FAIR PLAY

CONDIZIONI GENERALI

1) Promotore dei valori che contraddistinguono l’evento, la gara verrà valutata anche in merito alla condotta FAIR PLAY dal Comitato Organizzatore e dagli Arbitri.

2) L’obiettivo è quello di favorire lo spirito sportivo tra i giocatori, i responsabili delle squadre e lo staff organizzativo, di contrastare i cattivi comportamenti ma anche di incoraggiare e valorizzare quelli buoni.

3) Al fischio finale di ciascuna partita l’arbitro compilerà un apposito form di valutazione della gara.

4) Eccezionalmente, il Comitato Organizzatore si riserva il diritto di premiare o punire i comportamenti delle squadre con un ulteriore punto.

CRITERI DI VALUTAZIONE

A. Da parte degli arbitri
La valutazione del comportamento delle squadre durante le partite viene effettuata tenendo conto di:
– Comportamenti di Fair Play premiati dall’Arbitro con il Cartellino Verde (“Green Card”)
– Atteggiamenti sanzionati dall’arbitro
– Atteggiamenti nelle aree tecniche (anche se non sanzionati dall’arbitro)
– Atteggiamenti fuori dal campo prima, durante e dopo la gara

1) Premiazione di comportamenti di Fair Play significativi riportati dall’arbitro (es.non finalizzare una sicura occasione da goal per permettere di soccorrere un avversario infortunato, etc.):
(a) Green Card: +1 punto per ciascun cartellino verde

2) Sanzioni per non conformità con le regole del gioco (riportate dell’arbitro):
(a) Ammonizioni: -1 punto per ciascun cartellino giallo
(b) Espulsioni: -5 punti per ciascun cartellino rosso

3) Sanzioni applicate per comportamenti nelle aree tecniche (anche se non sanzionati dall’arbitro):
(a) Continuo vociare o urlare: -5 punti
(b) Proteste nei confronti dell’arbitro: -5 punti
(c) Mancato rispetto del protocollo prima, durante e dopo la partita (p.e. non stringere le mani della squadra avversaria): -5 punti
(d) Atteggiamenti violenti (verbali o fisici): -5 punti
(e) Lasciare l’area tecnica sporca: -5 punti

4) Premiazione di comportamenti di Fair Play significativi riportati dall’arbitro prima, durante e dopo la gara (es. accoglienza della squadra avversaria, condivisione della procedura di ingresso in campo, organizzazione/partecipazione a “terzo tempo Fair Play”.):
(a) +1 punto complessivo per l’atteggiamento positivo riscontrato

VALUTAZIONE FINALE

1) La valutazione finale di ogni squadra verrà calcolata sommando i punti assegnati da arbitri e Comitato Organizzatore, nel corso delle gare.

2) In caso di parità, i criteri utilizzati per determinare la migliore classificata, saranno, nell’ordine, i seguenti:
a. La squadra che è stata meno sanzionata durante la competizione (da arbitro e/o dal Comitato Organizzatore)
b. La squadra che ha mostrato più rispetto dei valori durante la competizione (da arbitro e/o dal Comitato Organizzatore)
c. La squadra che ha ottenuto il maggior numero di “Green Card”

3) La graduatoria finale FAIR PLAY potrà essere determinante per la definizione della graduatoria finale, secondo quanto stabilito dall’Art.5 “Punteggi e Classifiche” del regolamento generale.